Catania, diciottenne violento accompagnato al Cpr

Un diciottenne guineano che pochi giorni fa ha aggredito due giovani a Catania, opponendo poi resistenza a una guardia giurata e agli agenti intervenuti sul posto, è stato accompagnato al Centro di Permanenza per i Rimpatri di Palazzo San Gervasio. Lo scrive il sito NewSicilia, con foto dello straniero.
Un altro guineano ha creato problemi nella Questura di Rimini, venendo alle mani con un agente nel momento in cui gli è stata consegnata una proroga del permesso di soggiorno per motivi umanitari di sei mesi. La notizia è stata riportata dal Giornale, con foto di repertorio. Al momento non si parla di rimpatrio, ma solo di arresto.
Lo stesso sito racconta che pochi giorni prima un altro guineano aveva dato in escandescenze nel tribunale di Brescia, spaccando una vetrata con un estintore. La stampa locale parla di disagi psichici. Probabilmente l’episodio gli costerà il rinnovo della protezione internazionale. Nell’articolo non si parla di carcere. Si attendeva il giudizio direttissimo, l’accusa era solo quella di danneggiamento aggravato.
All’inizio del mese un ventenne guineano era stato catturato a Roma, dove era salito su un treno Italo senza biglietto. Lo straniero aveva un coltello di 23 centimetri all’interno del giubbotto, e aveva cercato di afferrarlo durante la colluttazione con gli agenti. E’ stato portato nel carcere di Rebibbia. La notizia è stata riportata dal sito Il Corriere della Città.
Intanto ieri l’ex ministro dell’Interno Minniti è comparso in un’intervista sul quotidiano Repubblica. Un estratto si può leggere sul sito del Partito Democratico. Dice Minniti che in un momento come questo strappare unilateralmente gli accordi con la Libia può destabilizzare ancora di più. E dice che la Ue deve svuotare i centri di accoglienza libici. E che va riattivata la missione Sophia. Sul fronte interno invece chiede lo ius soli e la revisione dei decreti sicurezza per rilanciare un piano di integrazione.
Ieri l’altro ex ministro, Salvini, era impegnato con la sua manifestazione in piazza del Popolo a Roma. Comunque numerosi estratti del suo intervento sono stati pubblicati dal suo staff sulle pagine social. Tra cui: “Salvini: meno partenze = meno morti. Al governo abbiamo gente con le mani sporche di sangue”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...