Genova, una denuncia per ingresso e soggiorno illegale

I carabinieri sono intervenuti vicino Genova per sedare una rissa tra tre cittadini stranieri. Ne hanno identificato uno, ventitreenne nigeriano e lo hanno denunciato in stato di libertà per il reato di ingresso e soggiorno illegale nel territorio italiano.
Il fatto è raccontato da Liguria Notizie, con foto di repertorio di un’auto dei carabinieri.
Per ora l’uomo resta in Italia, ma la denuncia potrebbe creargli dei problemi in seguito, visto che, data la limitatezza dei posti nei Cpr, le forze dell’ordine tendono a dare la precedenza agli stranieri che hanno totalizzato il maggior numero di precedenti.
Secondo i dati diffusi dal Garante dei detenuti, nel 2021 sono 215 i nigeriani transitati nei centri rimpatri (tra cui due donne).
Di questi ne sono stati rimpatriati solo 52, ossia un quarto. 3 sono diventati richiedenti protezione internazionale, 47 sono stati dimessi per vari motivi, in 49 casi il trattenimento non è stato convalidato dall’autorità giudiziaria e in 64 casi (quasi il 30%) i nigeriani sono stati dimessi perché non identificati allo scadere dei termini. Cioè sono stati trattenuti inutilmente per tre mesi, e poi lasciati uscire con un ordine di allontanarsi comunque dall’Italia. Molto probabilmente sono rimasti sul territorio nazionale, senza che esista nessun modo per regolarizzarsi. C’è il rischio che in caso di ulteriore controllo siano portati di nuovo nei Cpr. Non circolano statistiche in merito ai trattenimenti multipli nei Cpr. Né vengono raccontate storie di stranieri che si trovano in queste situazioni.
La settimana scorsa Fanpage ha scritto che la Nigeria è un paese di massacri, disuguaglianze e guerre religiose, e che il livello di violenza sta aumentando. Ne è un esempio la recente strage di Owo, avvenuta all’inizio del mese, quando un gruppo di terroristi ha ucciso 40 persone in una chiesa.
In questi giorni si stanno svolgendo le elezioni nello stato nigeriano di Ekiti. L’Ansa ha riportato la notizia presentando i vari candidati, ma non ha approfondito la questione. Spesso in occasione delle elezioni in Nigeria si verificano disordini e illeciti. Non è neanche chiaro quanto tempo passerà prima di conoscere il risultato.
Intanto a Colleferro un cittadino egiziano è stato arrestato per aver condiviso video estremisti sui social. Non si dice che pena rischia.
Gli accordi con l’Egitto sono abbastanza efficienti: più della metà dei trattenimenti di egiziani nei Cpr si conclude con un rimpatrio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...