Lecce, legalità diffusa a oltranza

Prosegue a Lecce l’operazione denominata “Legalità diffusa a oltranza”: una serie di controlli per le strade, orientati soprattutto verso gli immigrati. Stavolta sarebbe finito nella rete un ventinovenne marocchino, accompagnato al Cie di Brindisi, secondo quanto riporta il sito L’Opinionista. La notizia non è confermata da altri siti web, che non parlano dell’operazione da quattro o cinque giorni.
In un articolo del 13 giugno, Lecce News parlava di “risultato sorprendente”: nessuna forma di illegalità per strada.
Incredibile.
Pochi giorni prima, il 7 giugno, un comunicato della Questura parlava di un risultato molto meno sorprendente: grazie ad un “consistente spiegamento di agenti della Questura di Lecce” era stato possibile identificare ben cinque stranieri inottemperanti all’ordine di lasciare il territorio nazionale.
Uno dei pregiudicati è stato accompagnato al Cie di Torino, insieme a uno dei non pregiudicati. Per tutti gli altri “c’è attività amministrativa in corso” finalizzata ad una futura espulsione.
L’Opinionista scrive che un locale è stato chiuso dal personale dell’Asl per gravi carenze igieniche (ma non spiega quale).
Il Paese Nuovo, il 13 giugno scriveva di un negozio di generi alimentari finito nei guai: aveva osato vendere alcolici in bottiglie di vetro… all’ora sbagliata. E’ stato quindi “sanzionato”. Ma non ci dicono quanto dovrà pagare. (Comunque mancava anche la documentazione necessaria. All’esercente è stata data la possibilità di esibirla in un secondo momento).
I siti cosiddetti di informazione si limitano ad attingere alla meno peggio dai comunicati stampa, in maniera abbastanza goffa e superficiale. Un articolo impiegava 11 righe per riportare la notizia dei cinque stranieri identificati: ogni volta ripeteva la dicitura “inottemperante all’ordine del questore…” eccetera, in virgolettato corsivo, tralasciando qualsiasi riferimento ai precedenti penali (che c’erano, nel comunicato originale).
La pagina è sponsorizzata da un’azienda che produce… vino.

Come riassumere una notizia:
Sono state identificate ben cinque persone: un cittadino tunisino di 28 anni ed un altro marocchino di 40 anni; il primo “inottemperante all’ordine del Questore di Lecce dell’11.05.2017 di lasciare il territorio dello Stato”, mentre invece l’altro “inottemperante all’ordine del Questore di Lecce dell’01.07.2014 di lasciare il territorio dello Stato”. Entrambi saranno espulsi con accompagnamento al C.I.E. di Torino. Dopodiché, l’identificazione di un cittadino marocchino 41enne “inottemperante all’ordine del Questore di Lecce del 28.03.2017 di lasciare il territorio nazionale”; di un cittadino senegalese 48enne “inottemperante all’ordine del Questore di Roma di lasciare il territorio dello Stato”. Ed infine di un altro cittadino marocchino 25enne “inottemperante all’ordine del Questore di Lecce del 28.10.2016 di lasciare il territorio dello Stato”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...