Rimpatriato tunisino radicalizzato

Un trentasettenne tunisino è stato rimpatriato con un volo diretto da Tunisi a Fiumicino.
Lo scrive il Fatto Quotidiano. Lo straniero, detenuto nel carcere di Treviso per reati comuni, era stato scarcerato ad ottobre e trasferito al Cie di Torino. In carcere, secondo quanto fanno sapere dal Viminale, “aveva assunto gli atteggiamenti del musulmano ortodosso, esercitando la sua influenza e il suo carisma per cambiare le abitudini religiose all’interno de carcere, inducendo i suoi compagni di detenzione a praticare la preghiera all’interno della propria cella”.
Detto così, sembra che sia stato espulso perché pregava. In realtà il Corriere del Veneto aggiunge qualche informazione significativa in più: “A seguito dell’eccessivo rigore dei contenuti delle prediche da lui stesso condotte, altri detenuti avevano successivamente disertato gli incontri di preghiera”.
L’articolo del Fatto riporta anche la storia di uno dei reclutatori dell’Isis in Italia, che è stato appena estradato in Tunisia a partire dal Sudan. L’uomo è già stato condannato a 5 anni e 8 mesi a Milano per associazione a delinquere finalizzata al terrorismo.
Catturato in Pakistan nel 2002, è stato prima detenuto in una base statunitense, poi estradato in Italia. Da cui è stato rimpatriato nel 2012, dopo un periodo di detenzione. In seguito è stato segnalato come gestore di campi di addestramento in Libia, poi nel 2013 in Siria, poi l’anno dopo di nuovo in Libia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...