Che fine hanno fatto i sudanesi rimpatriati?

Due dei sudanesi rimpatriati con un volo da Torino a fine agosto “sono stati arrestati appena sbarcati nella capitale sudanese, ma non è chiaro di che cosa siano accusati”. Lo scrive il sito Nuova Società. Che racconta anche che dei sette stranieri che in quell’occasione non sono potuti partire, due hanno già ottenuto lo status di rifugiato in Italia.
Notizia di queste ore è che secondo Amnesty International le armi chimiche usate dal governo del Sudan 30 volte dal gennaio scorso avrebbero provocato almeno 200 vittime. “L’unica differenza fra il 2004 e ciò che sta accadendo in Darfur oggi è che il mondo ha smesso di occuparsene”, ha dichiarato un’esponente dell’associazione.
L’attacco più recente risalirebbe al 9 settembre.
Il rapporto di Amnesty parla di bombe che fanno uscire un fumo tossico, che provoca vomito, attacca la pelle, alla lunga fa ammalare e morire. Esperti interpellati dall’associazione hanno fatto qualche ipotesi a proposito del tipo di sostanza che potrebbe essere stata usata: forse gas mostarda o qualcosa di simile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...