Como, inferno alla stazione

Il Giorno ha pubblicato un articolo in cui si parla dell'”inferno” della stazione di San Giovanni, a Como, contrapposto al “paradiso” del Forum Ambrosetti che si è svolto a poca distanza.
Il Forum Ambrosetti è una conferenza economica che si svolge ogni anno a Cernobbio, sul lago di Como, a cui partecipano capi di stato, ministri, premi Nobel e uomini d’affari per discutere le sfide delle economie mondiali. La stazione di San Giovanni è si trova invece sulla rotta che i migranti intendono percorrere per arrivare in Germania, passando clandestinamente attraverso la Svizzera.
“Non c’è stato un politico che ha trovato cinque minuti per venire a far visita ai disperati somali ed eritrei accampati nel parco in fondo a viale Tokamachi, anche se la loro presenza ingombrante si è fatta sentire”, scrive il sito.
Il governatore della Lombardia Maroni, che ha visitato il lago prima di andare al gran premio di Monza, si è espresso contro l’apertura di un nuovo centro di accoglienza nell’area di San Rocco, capienza prevista 350 posti. “Il nuovo centro temporaneo è una cosa non prevista dalla legge e quindi non si deve fare, altrimenti si alimentano le speranze di chi viene qua sapendo che tanto nessuno verrà rimpatriato”.
Secondo Maroni nessuno dei migranti presenti a Como ha presentato domanda di asilo e protezione internazionale, né è stato identificato. “Devono essere messi nei Cie. E’ la legge Bossi-Fini a dirlo. Per essere identificati e poi espulsi. Se non ce ne sono a sufficienza se ne costruiscano di nuovi”, dice Maroni.
Il Governatore della Lombardia ha anche elogiato il presidente Mattarella, il quale avrebbe detto: “bisogna fermarli alla partenza, mettere sulle nostre coste cartelli con scritto ‘divieto di ingresso'”. Frase che sarebbe stata pronunciata al meeting di Comunione e Liberazione a Rimini il mese scorso. E che tuttavia è esattamente il contrario di come è stata riportata su Msn in un articolo datato 19 agosto: “Nessuno può augurarsi che si verifichino spostamenti migratori sempre più imponenti, ma così rischia di avvenire se ci si illude di risolvere il problema con un ‘vietato l’ingresso’ e non governando il fenomeno con serietà e senso di responsabilità”, le parole del Presidente secondo il portale della Microsoft, che riprendeva (sembra) un articolo di Italia Oggi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...