Savona, processo per accoltellamento

Il pubblico ministero ha confermato l’accusa di tentato omicidio per un ventitreenne albanese arrestato a dicembre scorso. Ha anche chiesto che venga giudicato con rito abbreviato. La decisione verrà presa in un’udienza che è stata fissata a giugno prossimo.
Apparentemente lo straniero si trova in carcere dall’inverno scorso. Secondo quanto scrive Savona News, la vicenda inizia a giugno 2015, quando c’era stata una rissa tra stranieri nei pressi di un supermercato. Il giovane aveva avuto la peggio, era finito in ospedale, ed era stato condannato anche per porto illegale di arma (una pistola rubata). Era rimasto in carcere fino a settembre. All’uscita dal carcere, era stato portato al Cie di Bari, per essere espulso. Però le cose sono andate diversamente: l’albanese ha presentato richiesta di asilo, e ha ottenuto lo status di profugo. E’ quindi uscito, tornando di nuovo a Savona, dove ha incontrato i due connazionali con i quali aveva il conto in sospeso. Secondo l’accusa, ha tirato una coltellata a uno dei due, un ventiduenne che è stato trasportato d’urgenza all’ospedale, con un taglio all’altezza del fegato.
La linea difensiva del ventitreenne è che lui si sarebbe soltanto difeso dall’aggressione degli altri due, e non avrebbe utilizzato un coltello, ma un pezzo di ferro raccolto per strada. Anche quanto avvenuto sei mesi prima, a suo dire, era una aggressione: i due ce l’avrebbero con lui perché ha difeso un amico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...