Gorizia, la lista degli indagati

Il Messaggero Veneto ha pubblicato la lista di tutte le persone indagate per la gestione del centro di espulsione di Gradisca d’Isonzo, Gorizia. Si tratta di 21 nomi, più quattro società, tra cui Connecting People e Cgs Storitve doo.
Al centro dell’inchiesta, la cooperativa Connecting People, ente gestore del centro per immigrati, che si sarebbe procurata una fornitura di oltre 31 mila bottiglie d’acqua facendole passare attraverso la società sloventa Cgs Storitve doo, una società fittizia creata al solo scopo di evadere l’Iva.
Sotto la lente della Guardia di Finanza è finita anche la fornitura di 371 materassi pagati dalla Prefettura come se fossero ignifughi, mentre in realtà non lo erano.
E poi ci sono dei soldi spariti: oltre 80 mila euro spediti dall’estero dai familiari dei migranti reclusi, e che non sarebbero mai arrivati a destinazione (forse per responsabilità del direttore del centro).
E si parla anche di servizi non erogati (carte telefoniche, sigarette, pocket money…)
Tutto questo si aggiunge ad un’altra indagine che si è già conclusa da tempo, e che ha portato al rinvio a giudizio di undici persone con l’accusa di truffa ai danni dello Stato: secondo l’accusa, il numero dei migranti rinchiusi nel centro veniva gonfiato rispetto a quello reale, per assicurarsi un rimborso maggiore.
Al momento nessun sito web riporta la versione difensiva degli indagati: come è stato possibile che la gestione sia stata così disastrosa sotto tutti i punti di vista?
Il Messaggero Veneto scrive che erano undici le strutture gestite in tutta Italia da Connecting People fino all’anno scorso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...