Gorizia, concluse le indagini preliminari

La Guardia di Finanza di Udine ha notificato a 21 persone e quattro soggetti giuridici la conclusione delle indagini preliminari per associazione a delinquere, reati fiscali, peculato, frode in pubbliche forniture, falso e favoreggiamento.
I reati sarebbero collegati con la gestione del Centro di Identificazione ed Espulsione di Gradisca d’Isonzo, Gorizia. Coinvolta di nuovo la cooperativa Connecting People.
La notizia è stata riportata dal Piccolo, che ricorda che già 11 persone sono stati rinviate a giudizio per i reati di ruffa ai danni dello stato, sempre in relazione alla gestione dello stesso centro.
Stavolta si parla della fornitura di 375 materassi che sarebbero dovuti essere ignifughi ma che risultavano senza certificazione.
Si parla dell’appropriazione di 88 mila euro che gli immigrati avevano inviato ai familiari ma che non sono mai arrivati a destinazione. E si parla di un giro strano fatto da 31 mila bottiglie d’acqua, passate attraverso una società slovena inesistente, forse per evadere l’Iva.
Anche gli avvocati di alcuni degli imputati nel primo processo sono rimasti invischiati in accuse di favoreggiamento e falso, per avere esibito fatture false che attestavano l’acquisto di schede telefoniche prepagate.
L’articolo del Piccolo non fa il nome di nessuno degli indagati: i nomi erano già emersi a novembre, quando era stato reso noto che le indagini preliminari erano in corso, e si trovano in un altro articolo, sempre sullo stesso sito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...