Città di Castello, sgomberato mini campo rom

Un campo nomadi che si trovava da anni nel parcheggio del parco Ansa del Tevere è stato sgomberato dalla polizia di Città di Castello.
Una donna rom di 60 anni è stata accompagnata al Centro di Identificazione ed Espulsione di Ponte Galeria, a Roma.
Era in Italia dal 1997, con i documenti in regola fino al 2005.
La situazione era ferma da anni. Il sindaco aveva sempre detto che non si poteva procedere a causa della presenza di un minore nel campo.
Già nel giugno di quattro anni fa la sezione locale della Lega Nord aveva raccolto firme e presentato una mozione con lo scopo di “riportare il decoro” nel parcheggio in questione.
La sessantenne era stata accolta in Italia come profuga di guerra. Ora sarà rimpatriata in Bosnia-Erzegovina, se le autorità di questo paese la riconosceranno ne riconosceranno l’identità.
Sembra che il campo fosse composto solo da quattro rulotte. Due sono state mandate via qualche giorno fa, le altre due ieri. Scrive Umbria 24: “Già da tempo le condizioni del parcheggio erano state modificate ed era sempre più difficile per la piccola comunità nomade vivere lì, senza acqua né luce, senza la possibilità di smaltire i rifiuti e senza rispettare le norme igienico sanitarie”.
Non si sa se era ancora presente qualche minore, né che intenzioni hanno i nomadi sgomberati. Dove andranno?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...