Scafista con doppia identità

Un ventiquattrenne accusato di essere uno scafista e condannato a 3 anni e quattro mesi di reclusione è stato trasferito nel Centro di Identificazione ed Espulsione di Bari.
Il problema è che il giovane ha due identità diverse: la condanna è stata emessa considerandolo cittadino libico, mentre nel decreto di espulsione è considerato cittadino sudanese.
Come si fa ad accertare la sua vera identità? Bisogna attendere conferme dalle autorità dei due paesi. E tutto questo entro 30 giorni. Le conferme potrebbero non arrivare in tempo, tenuto conto anche delle enormi difficoltà amministrative che questi stati stanno sperimentando. In quel caso, il giovane verrebbe rilasciato.
Lo straniero è arrivato in italia il 6 agosto 2014, sbarcato a Salerno dalla nave San Giusto, insieme ad altri 1400 migranti.
Considerato uno scafista, è rimasto nel carcere di Ariano Irpino fino dopo la condanna, emessa l’11 maggio scorso.
Insieme a lui, altri 5 sono stati processati con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, ma i mass media non raccontano che ne è stato di loro.
Il ventiquattrenne ha raccontato di avere assistito alla morte di almeno 200 migranti tra cui suo fratello, nel momento in cui uno dei barconi su cui viaggiavano si è capovolto.
Il Corriere del Mezzogiorno spiega che se uno straniero ha trascorso più di 90 giorni in una struttura carceraria, non può essere trattenuto al Cie per più di 30 giorni.
A giugno il giovane potrebbe essere rilasciato, pur continuando ad essere considerato clandestino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...