Gorizia, arrestato il tunisino col kalashnikov finto

Il trentaquattrenne tunisino che due mesi fa aveva postato su Facebook un video nel quale si avvicinava con un finto kalashnikov ad una delle sedi della Questura di Gorizia è stato arrestato dalla Digos in quanto destinatario di un mandato di cattura internazionale.
Il mandato è stato emesso dal tribunale di prima istanza di Tunisi per “atti di terrorismo”, un reato che prevede una pena massima di 20 anni di reclusione.
La notizia è riportata sul sito del quotidiano triestino Il Piccolo.
Nel messaggio registrato a febbraio erano contenute minacce o insulti in arabo contro la “nota giornalista tunisina Ksouri Maya”.
Il video è stato pubblicato all’epoca sul sito del Piccolo, ma senza l’audio.
L’uomo si trova ora rinchiuso nel carcere di Gorizia, e rischia l’estradizione in Tunisia.
A febbraio i giornalisti hanno scritto che il tunisino “risulta coniugato con una cittadina italiana residente in questa provincia”.
A far scattare l’allarme due mesi fa c’era il fatto che nel video l’uomo si avvicinava in motocicletta ad un obiettivo sensibile, inquadrando una mitraglietta appoggiata sul sellino. Temendo un rischio imminente, erano subito scattate le perquisizioni, dalle quali risultava che si trattava soltanto di una replica di arma, non in grado di sparare. Comunque, l’oggetto era stato sequestrato dalle forze dell’ordine.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...