L’11 per cento dei rifugiati ha disturbi psichici

Ieri la Caritas di Roma ha presentato il rapporto “Quando le ferite sono invisibili”. Il testo è stato curato dall’equipe che si occupa dell’assistenza ai rifugiati.
La notizia è stata riportata dall’agenzia Sir – Servizio informazione religiosa.
Secondo la Caritas l’11 per cento dei rifugiati e dei richiedenti asilo presenta un “disturbo da stress post traumatico”.
Nella maggioranza dei casi si tratte di “gravi traumi pre-migratori”, tra cui scomparsa, morte o ferimento di persone care, lesioni corporee, condizioni di guerra, essere testimone di violenze sugli altri, isolamento forzato e coercizione.
In nove anni di attività, l’ambulatorio della Caritas ha curato 253 pazienti (di cui 50 donne) e ha effettuato 3630 colloqui psicologici.
Nel corso dell’ultimo anno i pazienti seguiti sono stati 36.
La gran parte di loro proviene da Afghanistan, Mali, Senegal.
Al seminario che si è tenuto presso la casa famiglia Villa Glori in occasione della presentazione del rapporto ha partecipato anche il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin.
Sono intervenuti, oltre agli esponenti della Caritas, anche rapprensentanti di Unhcr e Sprar.
Se sulla situazione in Afghanistan l’opinione pubblica viene informata abbastanza spesso, su Mali e Senegal le notizie in Italia scarseggiano.
La più recente risale al mese scorso. Brevi lanci d’agenzia, solo per dire che il virus di ebola era stato appena debellato in Senegal.
Né l’Afghanistan, né il Mali né il Senegal compaiono nella lista delle nazionalità più rappresentate nei centri di espulsione italiani.
Statistiche più generali normalmente non vengono diffuse.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...