Portare i Cie in Africa

Secondo il sito Cronopolitica il senatore Vincenzo Gibiino, membro del Comitato di Presidenza di Forza Italia e coordinatore del movimento azzurro in Sicilia, avrebe dichiarato: “Attraverso i fondi comunitari si potrebbero realizzare Cie in grado di curare i malati e dare assistenza e sicurezza ai rifugiati senza che questi mettano in pericolo la propria vita”. Il concetto è stato riassunto così nel titolo: “Portare Cie in Africa per salvare vite e combattere la criminalità”. In realtà Gibiino avrebbe anche dichiarato che bisogna “realizzare centri di accoglienza nel territorio africano”.
Cie significa Centro di Identificazione ed Espulsione. A quanto pare centro di espulsione e centro di accoglienza vengono utilizzati come sinonimi, quando in realtà si riferiscono a due operazioni opposte.
Comunque, un testo integrale del comunicato di Gibiino non è disponibile, sul web. C’è invece il filmato integrale di un intervento che il politico ha tenuto al Senato a giugno scorso, in cui viene affrontata nel dettaglio la questione dell’immigrazione.
Gibiino allora chiedeva di porre fine all’operazione Mare Nostrum, considerata insostenibile per l’Italia, e chiedeva anche di rivedere il regolamento di Dublino, che obbliga i profughi a rimanere nel primo stato europeo in cui sbarcano, senza tenere conto della destinazione a cui vorrebbero giungere.
Pochi giorni fa sul sito ufficiale del senatore è stato pubblicato un breve comunicato in cui si ripetevano i concetti chiave: “L’operazione Mare Nostrum deve concludersi e subito. E’ stata un fallimento, ha comportato dei costi enormi per le già fragili casse pubbliche e come se non bastasse si è rilevata nei fatti la migliore complice dei trafficanti di vite umane”. “Alfano lavori affinché l’operazione light che l’Europa sta per mettere in piedi diventi risolutiva”.
L'”operazione light” a cui il senatore si riferisce è Triton, gestita dall’agenzia europea Frontex, che prenderà il via proprio oggi.
Secondo il ministro Alfano “Triton è uno strumento per aiutare l’Italia e non sostituisce Mare Nostrum”.
Per due mesi l’Italia sarà impegnata in un’operazione che si affiancherà a Triton e “costerà all’Italia un terzo di quanto costava Mare Nostrum”.
Triton sarà finanziata esclusivamente con fondi europei, mentre Mare Nostrum era costata all’Italia “9,5 milioni al mese, 114 milioni quest’anno”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...