“Subito rimpatriato”. Ma non è vero

Titola il Giornale dell’Umbria: “Esce dal carcere per fine pena e viene subito rimpatriato”.
Perugia Today invece scrive “Rispedito in patria pericoloso malvivente, una vita di furti e spaccio”.
Sembrerebbe che lo straniero sia tornato nel suo paese. Invece no. Negli articoli c’è scritto che un trentenne tunisino è stato prelevato dagli agenti della Questura all’uscita del carcere e accompagnato “ad un Cie”. Quale? Non si sa. Di solito i siti web umbri non spiegano in quale Cie vengono accompagnati gli stranieri (in Umbria non ci sono centri di espulsione), non ricordano il tipo di stupefacenti per cui sono stati condannati, e danno per scontato che il rimpatrio sia una questione di poche ore, quando spesso si tratta di settimane o mesi. Comunque, al momento dell’effettivo rimpatrio non viene emesso nessun comunicato, così l’opinione pubblica locale non può rendersi conto dei tempi necessari per sbrigare le pratiche. Del resto, anche in caso di rilascio o evasione, i siti web locali non chiariscono ai loro lettori che il rimpatrio non c’è stato.
L’uomo era stato arrestato per spaccio, rissa, furto, resistenza a pubblico ufficiale, violazione delle norme sull’immigrazione. I reati erano stati commessi tra Perugia e Firenze. Era detenuto dal luglio del 2012. Era stato condannato ad un totale di 6 anni e 5 mesi di reclusione. Sei anni fanno presto a passare, visto che siamo nel 2014 e già si parla di fine pena. Ma forse nel conto degli anni sono state inserite anche condanne inflitte in precedenza, visto che sembra che il tunisino abbia iniziato “la sua carriera di malvivente nel 1997”, anno in cui “fu arrestato per droga a Firenze”. Da quel primo arresto sono passati 17 anni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...