Il Cie di Gradisca non riaprirà

Il Centro di Identificazione ed Espulsione di Gradisca D’Isonzo (Gorizia) non riaprirà “se dal territorio verrà confermata la contrarietà a tale struttura”.
Lo ha detto il Ministro dell’Interno Angelino Alfano, rispondendo ad un’interrogazione dell’onorevole Giorgio Brandolin (Pd).
La notizia è stata riportata in breve dal sito del Piccolo, che annuncia maggiori dettagli sull’edizione in edicola oggi.
Comunque sembra che stiano proseguendo i lavori di ristrutturazione per un costo di 800 mila euro. Non sarebbe uno spreco se si installassero nuove recinzioni in un centro che non verrà più utilizzato come centro di detenzione? E quale sarà la destinazione alternativa? Chi la sceglierà? Quando?
Per ora non se ne sa nulla.
Il Cie di Gradisca è chiuso dal novembre del 2013.
Di recente è morto uno straniero che era caduto dal tetto del centro nel corso di una rivolta scoppiata l’estate scorsa. L’uomo è rimasto in coma per quasi nove mesi.
I vertici dell’ente gestore del centro di espulsione sono finiti sotto processo per un sospetto di fatture gonfiate.
Anche 9 attivisti sono stati processati, con l’accusa di interruzione di pubblico servizio e imbrattamento in concorso, per una manifestazione tenuta, sempre ad agosto, in prossimità del centro di espulsione. Non si sa se il processo si è già concluso e se ci sono state condanne.
Le autorità locali sono contrarie alla riapertura del Cie. La presidente della regione Debora Serracchiani lo ha spiegato esplicitamente al ministro dell’Interno nel corso di un incontro avvenuto due mesi fa.
Anche l’ex ministro per l’Integrazione, Cecile Kyenge (eletta domenica scorsa al Parlamento europeo), era contraria alla riapertura del Cie. Preferiva piuttosto un allargamento dell’adiacente Centro di Accoglienza per Richiedenti Asilo.
Quest’ultima proposta però ha destato la perplessità del sindaco di Gradisca, secondo cui “un maxi-Cara sarebbe una realtà difficilmente gestibile per un piccolo comune di seimila anime”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...