Poliziotto rischia il licenziamento

Scrive il sito Blitz Quotidiano che l’ispettore di polizia che era stato accusato di violenza sessuale nei confronti di alcuni trans nel Centro di Identificazione ed Espulsione di Milano rischia ora di essere cacciato dalla polizia, nonostante sia stato assolto dalle accuse a suo carico.
L’uomo, 50 anni, ha già scontato 18 mesi di carcere a San Vittore, poi altri 12 agli arresti domiciliari.
Inizialmente era stato condannato per diverse imputazioni, tra cui concussione sessuale e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. In appello la pena era stata ridotta, dice il sito. Infine, in un processo bis è stato assolto con formula piena.
Sono passati alcuni mesi dalla riabilitazione, ma non è ancora stato integrato a lavoro.
I familiari si lamentano per il fatto che il giudice che avrebbe dovuto redigere le motivazioni della sentenza in 60 giorni ha impiegato vari mesi, mentre per quelle della condanna di Berlusconi sono bastati 15 giorni.
La sentenza di assoluzione nel secondo processo di appello risale a gennaio. Gli avvocati difensori avevano annunciato che avrebbero chiesto i danni allo Stato per ingiusta detenzione.
A dicembre del 2010 il sito del Corriere della Sera titolava: “Violentò trans in Cie di via Corelli. Agente di polizia condannato a sette anni”. Solo nel sottotitolo si passava al condizionale: “Avrebbe costretto il brasiliano ad un rapporto orale promettendogli la libertà”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...